In un colloquio di lavoro è molto importante scegliere con molta cura le domande da porre al datore di lavoro

Siamo abituati a ritenere che il colloquio di lavoro sia soltanto un momento nel quale siamo giudicati. 

È una verità parziale perché anche noi valutiamo l’azienda e le nostre eventuali possibilità di carriera. 

Proprio per questo motivo è di grande importanza porre alcune domande al datore di lavoro o a chi lo sta rappresentando. 

Quali domande fare in un colloquio di lavoro al datore?

Le domande devono essere mirate a comprendere la situazione della società dove si andrà a lavorare e fornire un’ulteriore buona impressione di sé all’interlocutore.  

1. Per quale motivo avete deciso di chiamarmi?

2. Quali sono le possibilità di carriera?

3. Quali saranno le mansioni che dovrò ricoprire?

4. Quale sarà il primo progetto al quale sarò destinato?

5. Quando potrò sapere se sono stato scelto? 

6. Come posso contattarvi se avrò altre domande da porvi? 

Domandare è sempre utile

Durante un colloquio è fondamentale ottenere tutte le informazioni che possono tornarci utili, per decidere se lavorare o meno in quella determinata società. 

Soltanto chiedendo, infatti, potremo avere un quadro completo della situazione. 

Non abbiate timore a domandare: ne andrà del vostro futuro lavorativo.